Le cimici che pungono l'uomo (solo due specie) sono insetti ematofagi, per i quali il sangue rappresenta l'unica fonte di nutrimento. Le cimici hanno seguito l'uomo in tutto il processo di civilizzazione , forse fin dagli albori della preistoria, adattandosi alle sue abitudini e diffondendosi in tutto il mondo.

Le cimici possono infestare qualsiasi tipo di ambiente in cui l'uomo vive o lavora, ma le migliori condizioni igienico-sanitarie delle nostre comunità ne avevano fatto un insetto piuttosto raro in Italia, con rari focolai sempre legati a condizioni di miseria o disagio. Dalla metà degli anni '90 invece, si assiste ad una recrudescenza che interessa principalmente l'indotto alberghiero e i mezzi pubblici a lunga percorrenza (cabine di navi, vagoni ferroviari). Probabilmente la ricomparsa delle cimici è legata all'aumentato flusso turistico e migratorio da paesi Europei verso l'Italia (dalla Gran Bretagna fino ai paesi dell'Est) dove la struttura stessa delle abitazioni ed i materiali utilizzati per gli interni (carta da parati, moquette, parquet, ecc.) creano spontanaemente ambienti ideali per l'insediamento delle cimici.

Fondamentalmente la gran parte delle cimici si concentra nelle camere da letto o dove comunque si dorma. Durante il giorno si rifugiano nei materassi, nelle giunture dei letti, nelle fessure di muri e pavimenti, nella mobilia e dietro i quadri. Di notte si nutrono ad intervalli sull'uomo mentre dorme, tornando ai loro rifugi solo dopo aver completato il pasto di sangue. le cimici sono in assoluto gli insetti più difficili da eradicare da un focolaio di infestazione.Inoltre è ancor oggi opinione molto diffusa tra i disinfestatori improvvisati o "praticoni" che lo studio della biologia e del comportamento dell'infestazione non sia necessario per eliminare gli insetti, quando addirittura non risulti dannoso. Viceversa , un approccio "scientifico" al problema è da ritenersi indispensabile. Per questo motivo Faster opera applicando una Procedura Operativa Speciale sviluppata dall'A.N.I.D. (Associazione Nazionale Imprese di Disinfestazione) e supervisionata da Ricercatori dell'istituto Superiore di Sanità di Roma).